Allarme asteroide: ci sfiora 2015 HD1

Un asteroide, 2015 HD1, sfiorerà il nostro pianeta a "soli" settantacinquemila chilometri: nessun pericolo. L'evento è previsto per le 23.30 (ore italiane)

0
158
Asteroide
smartworld.it

Un asteroide appena scoperto, “2015 HD1” sfiorerà il nostro pianeta passandoci accanto ad una distanza di settantacinquemila chilometri, appena un quinto della distanza lunare. Il passaggio ravvicinato del corpo celeste, che ha un diametro di soli 15 metri, non rappresenta alcun pericolo poiché non c’è rischio di impatto e anche se ci fosse stato, le sue dimensioni non sarebbe state tali da consentire l’impatto al suolo.

2015 HD1, Close-Up Engineering, credits: diregiovani.it
diregiovani.it

“Si tratta di un passaggio molto, molto ravvicinato”, ha spiegato l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. “Il momento di minor distanza – ha proseguito – sarà domani mattina alle 10.11 ora italiana, quando però sarà impossibile osservarlo. Il momento di migliore osservabilità sarà attorno alle 23.30 di questa notte”.

Nessun rischio di impatto per il corpo celeste scoperto appena due giorni fa. “Non ci sono margini di rischio collisione – ha spiegato Masi – e siamo contenti di questo passaggio ravvicinato perché si tratta di un’occasione unica per poter studiare questi preziosi oggetti celesti. Se passasse più lontano non avremmo modo di poterlo osservare”.

Sarà invisibile a occhio nudo per via delle piccole dimensioni dell’asteroide e l’elevata velocità rispetto alla Terra, circa 60mila chilometri all’ora che renderanno molto difficile la sua osservazione.
Serviranno telescopi di almeno 40 centimetri di diametro.

 

SHARE
Previous articlePost modern skate: lo skateboard senza tavola
Next articleStonex One: lo smartphone italiano lanciato da Francesco Facchinetti
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY