Sono trascorsi 47 anni dallo storico allunaggio e Chris Garry, ex dipendente della NASA, ha pubblicato sulla piattaforma GitHub il software originale del programma Apollo, sviluppato al MIT: quello stesso software, che ha permesso di effettuare tutti i calcoli e le correzioni di rotta necessarie a portarne a compimento il viaggio di Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla Luna, ora è alla portata di tutti!

Apollo 11 software code
Nella foto una parte del codice sorgente, responsabile dell’intera programmazione della navicella, caricato in rete dall’ex dipendente della NASA Chris Garry, credits: https://www.lastampa.it/

Il software è scritto nel linguaggio Assembly, ed il pacchetto contiene anche i commenti dei programmatori originali che ne descrivono le funzioni dei singoli comandi. Interessante soffermarsi a ragionare sulle cifre: il codice in totale occupa solo 2 megabyte: poco più della capienza di un vecchio floppy disk e meno di un decimillesimo rispetto alla capacità di memoria di un Blu-ray.

Chris Garry
Chris Garry alla NASA durante il programma Apollo, credits: https://qzprod.files.wordpress.com/

Già nel 2009 Google mise a disposizione del mondo la preziosa risorsa, in occasione del quarantesimo anniversario; GitHub consentirà ad un pubblico di utenti più numeroso di sezionare e commentare direttamente online il codice.

 

SHARE
Previous articleLe 17 equazioni che hanno cambiato la nostra vita
Next articlePerché è meglio ascoltare la musica su CD che su vinile
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY