Byxee
Byxee


Byxee è un dispositivo made in Italy (progettato a Pesaro) che, agganciato al manubrio della bicicletta, scansiona la strada avvisando, con apposito segnale acustico, la presenza di pericoli sul percorso come buche, dossi, superfici dissestate, pedoni, animali, oggetti a rischio di collisione e altri ostacoli.

Byxee
L’illustrazione spiega il funzionamento di Byxee. Image Credits: http://res.cloudinary.com/indiegogo-media-prod-cld/image/upload/c_limit,w_620/v1432425677/zbqxwgbgsclkpoitrvq7.jpg

«Conclusa la fase di progettazione e sviluppo, per avviare la produzione e la commercializzazione occorre ora un nuovo investimento di circa 250mila euro» spiega nel filmato seguente Riccardo Ricci, ideatore e fondatore di Byxee, «per questo stiamo chiudendo la trattativa con un investitore privato, e un altro paio di realtà interessate, per la cessione di piccole quote della società, in modo da finanziare l’avvio operativo dell’attività. L’obiettivo è di essere pronti per le fiere internazionali di settore del prossimo autunno».

«Oltre al dispositivo anteriore, che dal manubrio scansiona e analizza lo spazio davanti alla bicicletta, stiamo già lavorando a un nuovo dispositivo posteriore, in fase di prototipo che permetterà al ciclista di tenere sotto controllo i possibili rischi anche alle sue spalle. Con un segnale sonoro che parte, ad esempio, in caso di veicoli troppo vicini e a rischio di impatto. In questo modo, utilizzando entrambe le soluzioni, si avrà a disposizione un sistema completo per usare la bicicletta in modo più sicuro. La tecnologia, a differenza delle persone, non si stanca e non si distrae mai» – conclude Ricci.

Byxee
L’illustrazione evidenzia il raggio d’azione di Byxee. Image Credits: https://www.indiegogo.com/projects/byxee-the-smart-active-safety-device-for-bicycle#/

Il pubblico di clienti sarà variegato perché coinvolgerà non soltanto gli appassionati del pedale e gli sportivi ma da tutti coloro che usano la bicicletta abitualmente, per andare al lavoro o svagarsi durante il tempo libero. «Le prospettive di mercato appaiono molto interessanti e il percorso di sviluppo della Startup in discesa. Abbiamo tra l’altro già stretto accordi con aziende del settore non solo per la fornitura del prodotto, ma anche della tecnologia» – ha dichiarato ancora Ricci.

Byxee
Scheda tecnica di Byxee. Image Credits: http://res.cloudinary.com/indiegogo-media-prod-cld/image/upload/c_limit,w_620/v1432335819/rydoh70xcvclzibzv01t.jpg

Il debutto sul mercato è previsto per il prossimo autunno: partirà dall’Europa, per diffondersi negli Stati Uniti e fare la sua comparsa anche nello scenario asiatico entro la primavera 2017. Il modello base avrà un costo stimato di 60 euro. Per altre informazioni cliccate qui.

SHARE
Previous articleDa dove deriva il termine “spam”?
Next articleCi divertiamo con i fluidi non fluidi?
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY