Scambiarsi gesti affettuosi con i propri animali domestici è indubbiamente un modo per stabilire e rinforzare i legami tra loro e i padroni: ma se per gli amici a quattro zampe si tratta solo di affetto, per l’uomo una leccata sulla faccia o sulle mani può rivelarsi pericolosa al punto da compromettere la propria salute.

Christine Caron
Christine Caron ha subito l’amputazione di tre arti dopo i morsi del suo cagnolino, uno Shih Tzu. Credits: storage.ottawasun.com

A mettere in pericolo la nostra salute è il «Capnocytophaga canimorsus», un subdolo batterio presente nella saliva di cani e gatti. Questo batterio, a contatto con le mucose umane, può provocare la sepsi (o setticemia), l’infezione generalizzata a tutto l’organismo, determinata dal passaggio nel sangue di batteri provenienti da focolai infettivi. La notizia è stata diffusa dal British Medical Journal Case Reports che ha raccontato la storia di Christine Caron, una settantenne pensionata, non fumatrice e bevitrice occasionale: nonostante le condizioni di ottima salute, la Caron è finita in terapia intensiva per una grave e rarissima forma di setticemia contratta da Buster il suo cagnolino, un piccolissimo Shih Tzu.

La donna stava giocando con il suo piccolo amico in una sorta di “tiro alla fune” quando, per consolidare la presa, Buster ha affondato i suoi piccoli denti nella mano di Christine. Gli altri cani della donna hanno leccato la ferita. Qualche ora dopo Christine ha iniziato a sentirsi stordita e affaticata; pensando di aver contratto il tetano (non è possibile contrarlo dagli animali in forma diretta, come nel caso di un morso) si è recata presso una clinica vicino la sua abitazione, poco dopo la mezzanotte, precisamente cinque minuti dopo la chiusura. Senza aver ricevuto assistenza medica, la donna vomitò tutta la notte: furono i suoi ultimi attimi di lucidità. I suoi ricordi successivi risalgono ad un mese dopo l’accaduto, quando si è risvegliata da un coma indotto in ospedale. Fu allora che apprese la nuova realtà dei fatti: l’amputazione di tre arti, gravemente danneggiati da shock settico, causato da una cattiva reazione ad un batterio comune che si trova nella saliva degli animali: il Capnocytophaga canimorsus.

“Non c’era la circolazione nei miei arti. I medici hanno capito che erano morti. Il mio braccio era come mummificato, le gambe ed i piedi erano neri. La mia mano destra sembrava che fosse stata immersa in acqua per non so quanto tempo. Era tutto gonfio e deteriorato.” – ha dichiarato la donna, dopo che le erano state mostrate alcune fotografie prima dell’amputazione.

“Il caso che abbiamo analizzato è particolarmente interessante perché evidenzia come l’infezione possa in realtà scatenarsi anche in assenza di graffi o morsi evidenti” – ha dichiarato anonimamente un chirurgo che è intervenuto nel caso.

Dopo due settimane in terapia intensiva ed una cura a base di antibiotici, per un totale di 30 giorni in ospedale, la pensionata è stata dimessa e la setticemia sconfitta. Secondo Health Canada si è trattato di un caso rarissimo: in tutto il mondo sono stati segnalati solo 200 casi settici, legati a quel particolare batterio, negli ultimi 25 anni.

Il parere del medico

Il batterio, che alloggia nelle cavità orale di cani e gatti, può essere trasmesso all’uomo dal contatto con la saliva dell’animale. «Premesso che qualunque batterio può causare la setticemia e che questa patologia colpisce in particolare le persone che presentano un sistema immunitario già compromesso, è bene sottolineare che è sempre necessaria la presenza di una lesione cutanea, non necessariamente evidente, perché l’infezione possa causare la sepsi – afferma il veterinario Marco Bonati di Lesmo (Monza) al Corriere della Sera – e questa precisazione è ancor più importante visto il periodo estivo, onde evitare che una preoccupante e del tutto immotivata psicosi da “leccata” canina o felina possa dar luogo ad un’escalation di abbandoni».

Marty Becker
Marty Becker, credits: cloudfront.net

Ma è vero che la bocca del cane è più pulita di quella dell’uomo? Assolutamente no! Se non si rischia la setticemia si va comunque incontro ad altre fastidiose infezioni. Insomma, ci sono tanti altri modi per esternare affetto agli amici a quattro zampe perché, virus a parte, si tratta anche di una questione igienica :

“Tutto ciò che dovete fare è guardare e odorare e realizzerete che non è vero. I cani rovistano nel bidone della spazzatura. Sapete, noi ci diamo un bacetto sulla guancia quando ci salutiamo, loro si danno un bacetto nella parte posteriore – dice Marty Becker, veterinario ed autore de “Chicken Soup for the Dog Owner’s Soul”.

John Oxford
John Oxford, credits: whale.to

E se questa frase non dovesse convincervi allora concludiamo con questa considerazione di John Oxford, professore di virologia e batteriologia della Queen Mary University di Londra:

“Non è solo ciò che viene trasportato con la saliva. I cani spendono la maggior parte della loro vita con i nasi in angoli sporchi o gironzolano vicino agli escrementi, perciò le loro bocche sono piene di batteri, virus e germi di tutti i tipi”.

LEAVE A REPLY