È stato da poco fatto un ulteriore passo in avanti per rendere più europei i cittadini di ogni Stato membro dell’Unione. Si tratta della rimozione del roaming, uno dei punti deboli dell’UE più discusso degli ultimi anni. La notizia è arrivata direttamente da Strasburgo, dopo una riunione dell’Europarlamento che tramite votazione ha abolito le tariffe finora in vigore.

Cos’è il roaming?

La connessione tramite roaming viene utilizzata dagli operatori di telefonia mobile, per permettere di ricevere ed inviare segnali sulla rete mobile dedicati allo scambio di chiamate vocali, messaggi di testo e navigazione in Internet.

Nell’Unione Europea è attualmente presente quella che viene chiamata Eurotariffa, ovvero il piano di tariffazione votato e stabilito dall’UE il 23 maggio del 2007, per poi essere modificato nel 2009 e nel 2010.

Roaming Europeo, il giorno del giudizio

15 giugno 2017, è questa la data decisa del Parlamento Europeo per il primo step verso la fine dell’Eurotariffa. Dalla metà di giugno in poi, ogni cittadino potrà effettuare e ricevere chiamate, inviare SMS e collegarsi ad Internet per la navigazione web, allo stesso prezzo pagato nel Paese di residenza.

Dopo la votazione, che ha visto 549 favorevoli all’abolizione, 27 contrari e 50 astenuti, il Deputato finlandese Miapetra Kumpula-Natri ha dichiarato:

Roaming UE - Miapetra KUMPULA-NATRI
Miapetra KUMPULA-NATRI – 8th Parliamentary term. Souce: europarl.europa.eu

Questa è una grande vittoria per i consumatori europei

 

 

 

 

Il costo del nuovo roaming per i gestori telefonici dell’UE

Nelle transizioni che avvengono tra i vari operatori di ogni singola Nazione, restano le tariffe anche se con un minor costo. Per quanto riguarda la connessione da Internet, a partire dal 15 giugno di quest’anno si passerà dai 50€ / Giga di adesso, ai 7,70€ / Giga. Dal primo gennaio 2018 si scenderà a 6€ / Giga, per poi arrivare a 4,5€ / Giga all’inizio del 2019. Lo step finale sarà quello di raggiungere i 2,50€ / Giga nel 2022.

Per quanto riguarda le telefonate, si passerà – sin da subito – dai 5 centesimi attuali ai futuri 3,2 centesimi. Infine, con gli SMS si scenderà a 2 centesimi per ogni messaggio di testo. Il Consiglio Europeo ha dichiarato:

I nuovi limiti «devono essere sufficientemente bassi per permettere agli operatori di offrire roaming gratuitamente ai loro clienti senza aumentare i prezzi interni e nello stesso tempo i limiti devono essere sufficientemente alti per permettere agli operatori nei paesi ospitanti di recuperare i costi senza aumentare i prezzi interni al dettaglio

Inoltre, è stato imposto l’obbligo di manutenzione ed aggiornamento continuo di tutte le reti mobili.

 

1 COMMENT

  1. Quindi se mando dall’Italia un SMS ad un cittadino europeo non italiano pagherò 2centesimi al posto degli attuali 30 (che è ciò che mi costa oggi con il piano tariffario che ho attualmente con la 3…)?

LEAVE A REPLY