Gianluca Vacchi: illuminato o fannullone?

Spesso additato come dandy egocentrico e superficiale, Gianluca Vacchi potrebbe insegnarci qualcosa? Mente illuminata o ereditiere sfaticato?

1
179
AZIENDALE | VIRALE | ECONOMIA
https://www.facebook.com/gianlucavacchiofficialpage

Questo articolo nasce dalla necessità di dirimere ciò che, negli affari (business per i nostri lettori più naif), è cultura da ciò che non lo è.

Obiettivo troppo ambizioso? Probabilmente si, tuttavia – in un mondo, molto spesso, più concentrato sulla “forma” che sulla “sostanza” – anche un sito come il nostro, che tratta tematiche economico-finanziarie, deve essere in grado di cogliere lo Zeitgeist (Spirito del Tempo).

E’ proprio questo Zeitgeist a portare alla nostra attenzione uno degli imprenditori più popolari e chiacchierati, nel bene e nel male, degli ultimi anni: Gianluca Vacchi.

In questa sede, non siamo interessati a disquisire il “Vacchi pensiero” – per chi non lo sapesse (davvero?!), il suo motto è Enjoy – bensì ciò che la sua storia, e le sue scelte, possono insegnare ad ognuno di noi: imprenditori, professionisti, dipendenti, studenti o qualunque altro sia il nostro ruolo nella società.

Gianluca Vacchi è uno degli eredi di un gruppo industriale italiano, la cui punta di diamante è rappresentata dalla IMA S.p.A., società leader mondiale (e con un fatturato superiore al miliardo di euro) nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il processo e il confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari, tè e caffè.

Tutto ciò premesso, qual è il “lavoro” di Gianluca Vacchi?

Spesso denigrato per il suo essere dandy (come a egli stesso piace definirsi), eccentrico e anticonformista, Gianluca ha più volte risposto ai propri detrattori con grande pacatezza, fino ad asserire: “ … Io ho un’etica che mi ha sempre imposto di far prevalere l’interesse aziendale su quello personalistico e questo è il motivo per cui, in pace con me stesso e in adempienza totale alla logica del bene aziendale, ho sempre deciso di non occuparmi della ‘gestione quotidiana’. Sostenere il rischio è però, ti assicuro, il lavoro più difficile insieme alla scelta che attiene al tema centrale della delega, ovvero la scelta di chi delegare per una corretta ed efficace gestione aziendale … ”.

Solo ora, dopo questo breve excursus, possiamo porci la domanda centrale sulla quale intende concentrarsi questo articolo: nell’interesse di chi è gestita un’azienda?

Per rispondere a questo quesito è necessario individuare quali siano i vincoli e le attese provenienti dai gruppi, o singole persone, che possono influire sulle scelte strategiche e, quindi, sui risultati aziendali.

La Teoria degli Stakeholder afferma che gli obiettivi di un’azienda devono tenere conto delle esigenze di tutti i soggetti aventi interessi, in modo diretto ovvero indiretto, nella gestione dell’azienda stessa. Questi interessi possono essere tra loro contrastanti e, pertanto, l’impresa dovrà essere in grado di gestirne le aspettative definendo una gerarchia di priorità relative.

Gianluca Vacchi non è di certo un premio Nobel per l’economia, né un imprenditore che ha costruito il suo impero dal nulla; tuttavia, l’aver individuato una linea di comportamento tale da farlo sentire sì appagato dal punto di vista professionale, ma anche alleggerito dalla “gestione quotidiana” – come da lui stesso dichiarato – sono o meno elementi sufficienti per definirlo una mente “illuminata”?

La risposta a questo interrogativo, come sempre, lasciamo che siate voi lettori a darla sulla nostra pagina facebook.

SHARE
Previous articleA Beautiful Mind
Next articleEuropa: Confermata la presenza di acqua
Laureato in Finanza presso l’Università Commerciale “Luigi Bocconi” di Milano, con Major in Investment Banking e tesi sperimentale in Project Finance, Leonardo è Business Devoloper di "Close-up Engineering" e referente per l’area di Ingegneria Finanziaria. Lavora come private banker presso un primario gruppo assicurativo\finanziario mondiale e collabora con qualificati professionisti nell’ambito della consulenza aziendale. Ha ideato “la Settimana Economica” con l’obiettivo di offrire un percorso di in-formazione economica per tutti e nel tempo libero gli piace dedicarsi allo sport, alla musica e alla conoscenza di lingue e culture straniere.

1 COMMENT

  1. Penso che si possa dire di lui tutto tranne che sia scemo. Non possiamo sapere se abbia scelto di sua sponte di stare nelle salmerie invece che al fronte delle attività di famiglia, di certo però è probabile che abbia fatto la scelta migliore: lasciar fare ai professionisti il loro lavoro e goderne i frutti che gli spettano. Nel suo piccolo ha creato una srl da 10k€ di capitale con cui può cimentarsi dell’imprenditoria a rischio di cifre che probabilmente sono poche settimane dei dividendi che stacca dal gruppo di famiglia. Magari un gg crescerà.

LEAVE A REPLY