Abbiamo già parlato di Giuseppe Conzo, l’ingegnere italiano membro di PACA_Rosetta67P, un gruppo di appassionati provenienti da tutto il mondo che rielabora le immagini della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, inviate dalla sonda ESA Rosetta.

Giuseppe, che nel 2015 ha ricevuto il riconoscimento APOD (Astronomy Picture of the Day), ha continuato il suo lavoro di rielaborazione di immagini, realizzando un video della rotazione della cometa 67P.

“Le immagini, dall’archivio ESA, sono state elaborate con MaximDL e Photoshop; ho unito i canali R, G e B delle foto originali scattate dalla sonda ESA Rosetta. In questa animazione si nota come la cometa effettui la sua rotazione la cui durata è di 12,8 ore, nel video è ripetuta per più tempo. Si notano molto bene i colori della cometa abbastanza naturali, trattandosi del risultato dell’unione dei canali R (Rosso), G (Verde) e B (Blu) che rappresentano i colori fondamentali dello spettro del visibile. In aggiunta in sottofondo si sente il ‘suono della cometa’ pubblicata dall’ESA un po’ di tempo fa e rappresenta l’emissione radio della cometa stessa; si intitola ‘A singing comet’, composta dal tedesco Manuel Senfft. Durante l’animazione si può leggere la distanza della sonda dal nucleo e la data e ora di acquisizione”.

SHARE
Previous articleScoperto neurone della coscienza
Next articleCRP Technology e i materiali Windform® protagonisti al JEC World 2017
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY