Chiunque sia un appassionato di tecnologia, avrà sicuramente sentito parlare di Andrea Galeazzi. Andrea si occupa di tecnologia sin dal 2005, anno in cui ha iniziato a collaborare con il sito web Telefonino.net. Nel 2013 si è spostato nella redazione di HDblog per poi aprire andreagaleazzi.com, il proprio blog. Si occupa di motori. È famoso soprattutto per le sue videorecensioni di smartphone presenti su YouTube, oltre a quelle di pc, gadget e televisori.

Una delle novità arrivate con l’apertura del blog personale, è stata quella dell’organizzazione di eventi e colazioni per dare un ruolo chiave ai propri fan. Noi l’abbiamo incontrato durante l’aperitivo LG Italia a Cosenza. Ecco cosa ci ha detto!

Aperitivo a Cosenza con LG ed Andrea Galeazzi

Intervista Andrea Galeazzi (4)
Vodafone Store Cosenza: luogo in cui si è tenuto l’aperitivo LG con Andrea Galeazzi. Credits: Angelo Falcone | Close-up Engineering

Lunedì 22 gennaio ha avuto luogo l’aperitivo LG a Cosenza, nel Vodafone Store di Corso Mazzini. Noi ci siamo recati lì, trovando una grande quantità di persone già un’ora prima dell’inizio dell’evento. All’arrivo di Andrea Galeazzi ed il rappresentante della LG, ognuno ha tirato fuori il proprio smartphone (e noi non siamo stati da meno) per scattare una foto, come potete ben osservare dall’immagine qui sopra. Subito dopo i saluti, sono iniziate le domande al rappresentante LG da parte di Andrea e dei fan, che a turno chiarivano i propri dubbi. Tra le più interessanti, ricordiamo:

Arriverà Android Nougat su LG G4? Se sì, quando?

“I nostri team di sviluppo sono sempre al lavoro, LG è un’azienda che garantisce gli aggiornamenti. Lo scorso anno con Nougat su LG G5 siamo stati tra le prime aziende a rilasciarlo per i nostri dispositivi. Su G4 sarà difficile vedere Nougat.”

Perché LG V30 è arrivato dopo in Italia, rispetto agli altri Paesi?

“Sul V30 in versione italiana, ma in generale in versione europea, è stato necessario un lavoro maggiore dal punto di vista software per renderlo “utilizzabile” nel nostro Paese rispetto alla versione Coreana. Allo stesso tempo però, abbiamo ripagato i nostri clienti per l’attesa, fornendo una confezione più accessoriata rispetto a quella venduta in Corea.”

Come si muoverà LG nel campo della Realtà Aumentata?

“Purtroppo, è ancora un campo troppo recente per dare delle risposte concrete già da ora. Non nascondo che ci stiamo lavorando, perché LG è un’azienda che innova davvero! Basta guardare l’ultimo esempio, quello del display 18:9 introdotto su LG G6, per poi essere utilizzato in tutti i nuovi smartphone.”

Intervista Andrea Galeazzi (8)
Selfie di gruppo scattato da Andrea Galeazzi durante l’evento. Credits: Andrea Galeazzi

Successivamente si è dato il via all’aperitivo vero a proprio! Si, lo confessiamo, abbiamo mangiato anche noi! Alla fine, si è creata una coda per scattare la fatidica foto con Andrea che, armato di pazienza, ha scattato la foto con ogni persona presente all’evento. È proprio in quel momento che siamo riusciti a fargli qualche domanda.

Intervista ad Andrea Galeazzi

Intervista Andrea Galeazzi (6)
Foto che ritrae Andrea Galeazzi e il rappresentante LG Italia. Credits: Angelo Falcone | Close-up Engineering

Forse nel momento meno opportuno, ma l’unico disponibile in tutta la serata, siamo riusciti a fare una piccola intervista ad Andrea Galeazzi. Ecco cosa ci siamo detti!

Gli smartphone quasi non esistevano e la tecnologia non era poi così attraente 13 anni fa. Cosa ti ha spinto a collaborare con Telefonino.net nel 2005?

“Non è assolutamente vero che non era affascinante, era affascinantissima, perché comunque i feature phone avevano, ognuno, delle feature diverse. Ad esempio, c’era quello che sincronizzava la rubrica con il computer. Essendo da sempre appassionato di tecnologia ho iniziato con i TACS, ricordo che erano i primi telefoni che ho avuto, ancora prima del GSM. Quindi… c’era, c’era eccome! Era diversa da adesso, ma l’evoluzione c’era.”

Una tua visione del futuro della tecnologia in Italia?

“Futuro della tecnologia, più che in Italia, diciamo globale perché ormai siamo un mondo globale. La vedo più nell’IoT, nei dispositivi connessi e nei servizi più che nell’hardware, nel “pezzo di ferro”, che è un po’ arrivato a meno che non ci sia una rivoluzione, che però non vedo vicina.

Panorama tecnologico divulgativo in Italia: si parla tanto di fake news, è un po’ il problema del momento. Come si può combattere?

“Per quanto riguarda le fake news… Ragazzi, per combattere le fake news bisogna essere curiosi! Informarsi, non lasciarsi abbindolare dalla prima cosa che si legge su Facebook e avere più fonti, anche quelle alternative. Così si combattono le fake news.”

Hai tantissimi fan e queste persone qui davanti a noi ne sono la dimostrazione! Come ci si sente ad essere un idolo tecnologico per così tanti?

“Guarda, in realtà non me ne rendo ancora conto perché io mi sento uno di voi. Cioè, anche adesso che la gente mi dice “vai fuori, vai di lì, vai di là” per questioni di sicurezza ed ordine pubblico e mi fanno spostare, a me scoccia! Io starei là in mezzo a tutti fino a stanotte, perché mi piace! Non mi sento diverso da te, come non mi sento diverso da loro. Stanchezza? No, zero. Se fai qualcosa che ti piace non è mai stancante. Ti stanchi quando fai robe che ti rompono le scatole, sempre quello. L’unica cosa che mi manca quando sono in giro è la famiglia, tornare a casa è proprio figo! Perché ti riposi, hai le tue certezze e cose così. Per questo, ultimamente, lì includo un po’ così li rendo partecipi.”

LEAVE A REPLY