Luce dalla frutta? L’Italia dice sì!

Non solo vitamine ed energia per il corpo, ora si potrà ricavare anche la luce dalla frutta. Austep ha trovato il modo di ricavare energia dai rifiuti

0
1113
Mandarini Luminescenti, Luce dalla frutta
PH: munplanet.com

Multivitaminici, frullati, dolci, creme e cosmetici, ma anche energia elettrica. Quest’ultima non era una novità, ma grazie all’azienda italiana Austep, si potrà ricavare anche la luce dalla frutta scartata e da altri rifiuti.

Quasi tremila abitazioni infatti ricaveranno energia elettrica prodotta dagli scarti alimentari grazie a un impianto di biogas alimentato da Forsu, ovvero la Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano, fino ad una potenza di 5,2 Mw.

Austep, Close-Up Engineering, credits: corriere.it
corriere.it

I fortunati sono i cittadini di Charlotte, un comune della Nord Carolina dove è stato compreso come si possa trovare in un bidone della spazzatura una grande fonte di energia. L’impianto di biogas della Austep gestirà 117.932 tonnellate di rifiuti l’anno. “La buccia di banana è l’esempio più tipico di ciò che viene definito rifiuto organico. Un impianto biogas alimentato da rifiuti e da scarti alimentari è in grado di produrre energia elettrica e termica; quello che normalmente avviene in sei mesi, noi lo concentriamo in 30 giorni” – spiega Alessandro Massone, Ceo di Austep. L’azienda italiana che progetta e realizza impianti di biogas e biometano gestirà questo primo impianto negli Stati Uniti.

Gli scarti alimentari vengono depositati all’interno della Tornado (la biospremitrice progettata e realizzata da

Tornado Austep, Close-Up Engineering, credits: tekneco.it
tekneco.it

Austep nel 2013la quale crea un vortice che separa il materiale leggero (come plastica) dalla componente organica più pesante. Dopo questa fase il materiale viene ripulito ulteriormente da sabbie e sassi e poi inviato nei digestori per produrre biogas da digestione anaerobica. I rifiuti non saranno portati più in discarica, perchè grazie al processo di fermentazione naturale saranno trasformati in materiale organico il cui residuo potrà essere utilizzato anche come fertilizzante.

Header Image Credits: munplanet.com

SHARE
Previous articleStampa 3D: la mano italiana
Next articlePost modern skate: lo skateboard senza tavola
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY