La notte di Natale 2015 promette tante emozioni da un punto di vista astronomico. La serata astronomica quest’anno ha diversi eventi in programma, dalla cometa Catalina all’asteroide 2003 SD220. Il più atteso però è il plenilunio che non capitava, nella notte di Natale, da quasi 40 anni.

Volta Celeste
Volta Celeste

Era la notte del 25 dicembre 1977 quando la Luna piena ha rischiarato per l’ultima volta il cielo di Natale e, dopo quest’anno, dovremmo aspettare il 2034. Il plenilunio natalizio viene indicato dagli astronomi e amanti del cielo come “Luna fredda” (o “Luna della neve“). In Italia sorgerà a Est attorno alle 16:20 del 24 dicembre per poi tramontare alle 7 del mattino circa del mattino di Natale. Per gli astronomi i privilegiati per assistere all’evento saranno soprattutto gli abitanti dei paesi più a ovest (come gli Stati Uniti). Tuttavia in Italia saremo comunque partecipi di un grande spettacolo: il disco lunare raggiungerà infatti un’intensità pari 99,8%: ricordiamo infatti che per godere al meglio dei fenomeni astronomici è opportuno appostarsi in luoghi privi di inquinamento luminoso.

Luna piena
Luna piena

Quest’anno incrocerà la sua posizione con Aldebaran una gigante arancione 500 volte più luminosa del Sole, 1,7 volte più grande della nostra stella, distante 66 anni luce.

SHARE
Previous articleCerro de Pasco, la città inghiottita dalla miniera
Next articleLa scienza di Star Wars
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY