Nanopixel al grafene: gli ologrammi saranno realtà

Il grafene non smette di stupirci. Molto presto questo materiale delle meraviglie trasformerà la fantascienza in realtà. Questa volta con gli ologrammi

0
726
Hologram
PH: nationaldefensemagazine.org

Abbiamo già avuto modo di parlare degli ologrammi e del grafene il materiale del futuro dalle infinite applicazioni. Questa volta le due cose sono correlate fra loro, in una ricerca interamente pubblicata su Nature. Ecco di che si tratta.

Hologram, Close-Up Engineering, credits: nature.com
nature.com

Il risultato di una ricerca condotta dalla Swinburne University of Tecnology che può essere sintetizzato così: generalmente la luce, quando attraversa i pixel che compongono un display olografico digitale, viene piegata in base all’indice di rifrazione del materiale. Modificando l’indice di rifrazione, la luce viene deviata in modo da generare un’immagine tridimensionale nello spazio sopra il display: un ologramma. I ricercatori Xiangping Li, Qiming Zhang, Xi Chen e il professor Min Gu hanno infatti dimostrato come sia possibile registrare con codifica olografica su un polimero composito di ossido di grafene (GO). Questa tecnica sviluppata attraverso impulsi laser, consente di modificare e controllare con precisione l’indice di rifrazione di pixel microscopici, composti dal GO. Si tratta di un materiale dalla struttura analoga al grafene ma con atomi di ossigeno aggiuntivi, che si presta fra le altre cose alla realizzazione di pellicole e rivestimenti trasparenti e flessibili, adatti per gli schermi di smartphone, tablet e altri dispositivi. Grazie alle nano-dimensioni dei pixel e alla possibilità di cambiare l’indice di rifrazione si è ora in grado riprodurre immagini 3D a colori vivide e naturali, con un ampio angolo di visione fino a 52°, decisamente superiore a quanto si ottiene con gli attuali schermi olografici a cristalli liquidi.

Olographic, Close-Up Engineering, credits: tomshw.it
tomshw.it

Per ora è stato realizzato un piccolo display dimostrativo, in grado di proiettare immagini di un centimetro.
Ma Min Gu e Xiangping Li, i due ricercatori che guidano la ricerca già da diversi anni, sostengono che la tecnologia potrà essere applicata senza limiti di scala. Secondo le loro stime, nel giro di cinque anni gli schermi 3D in grafene saranno pronti per un uso commerciale su gadget da portare in giro e da indossare.
I primi ologrammi realizzati sono quelli di un canguro e di un koala.
Lo stesso gruppo di ricerca studiava l’ossido di grafene da molto tempo e nel 2013 ha pubblicato gli esiti della ricerca sempre sulla rivista Nature.

 

SHARE
Previous articleNorvegia: addio alla radio FM, si passa al DAB
Next articleTerremoti: conoscerli per sopravvivere
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY