Albert Einstein aveva ragione, anche questa volta! Avevate dubbi? A divulgare la scoperta è stata la nota rivista Science Magazine in un articolo del 5 febbraio firmato da Adrian Cho. Le antenne del LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory, L’Osservatorio Interferometro Laser delle Onde Gravitazionali) hanno registrato il fenomeno.

LIGO Center

Il centro di ricerca del LIGO

Cosa producono dunque le increspature dello spazio-tempo? La fusione di due buchi neri che spiraleggiano sempre più vicini l’uno all’altro, un fenomeno estremamente violento: la massa dei buchi neri è stimata rispettivamente in 36 volte quella del Sole (per il primo) e 29 volte quella del Sole (per il secondo). Dalla loro unione ne scaturisce un buco nero con una massa pari a 62 volte quella della nostra stella madre. Tre masse solari si trasformano in onde gravitazionali.

LIGO Lab Gravity Waves
La fusione di due buchi neri

“La probabilità di errore sarebbe soltanto 1 su 3 milioni e mezzo” – afferma il ricercatore Clifford Burgess. Vale a dire 5,1 sigma, cioè la stessa certezza con cui fu annunciata la scoperta della particella di Higgs. L’articolo con l’annuncio ufficiale dovrebbe comparire sulla rivista Nature l’11 febbraio. Al momento, come osserva l’autore dell’articolo Adrian Cho, sono ancora notizie di fonte “spionistica”: tuttavia i numerosi particolari, dettagliati e precisi, rendono la “voce di corridoio” una quasi certa realtà.

SHARE
Previous articleMicrosoft e i data center nel Pacifico
Next articleDmitrij Ivanovič Mendeleev e la tavola periodica
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY