Neurone della coscienza
Neurone della coscienza, credits: Allen Institute for Brain Science - alleninstitute.org

I ricercatori dell’Allen Institute for Brain Science, coordinati da Christof Koch, hanno scoperto il neurone della coscienza identificandolo nel claustro, quella zona del cervello collegata con la coscienza: si tratta di una cellula nervosa che avvolge il cervello, connessa con tutte le altre cellule nervose.

La ricerca, per studiare tre neuroni presenti nel claustro, è stata condotta su dei topi geneticamente modificati affinché le loro cellule nervose producessero una proteina fluorescente: in questo modo è stato possibile osservare i neuroni ramificarsi, similmente allo sviluppo delle piante rampicanti che producono germogli alla ricerca di qualcosa a cui aggrapparsi. Gli scienziati hanno fotografato lo sviluppo fino a collezionare 10.000 immagini che, analizzate da un software, hanno permesso di ricostruire lo sviluppo dei neuroni in 3D (vedi foto in alto). Gli scienzati prevedono di continuare a mappare i neuroni del claustro anche se questa tecnica è piuttosto costosa per ricostruire i neuroni su larga scala.

I tre neuroni del claustro producono ramificazioni per collegarsi con le altre cellule nervose ed alle regioni addette al controllo delle informazioni sensoriali che guidano i comportamenti umani ma solamente uno si avvolge completamente l’organo: “come una corona di spine” – lo descrive così Christof Koch che, avvalendosi di questa scoperta, sostiene che proprio il claustro potrebbe coordinare i segnali in entrata e in uscita nel cervello per creare la coscienza. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature.

A sinistra un ratto fluorescente (credits: Yasuteru Urano – blogpinali.wordpress.com). A destra il dott. Christof Koch, credits: Allen Institute for Brain Science – imp.ac.at

 

SHARE
Previous articleEcco il nuovo Nokia 3310
Next articleLa cometa 67P a 360°
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY