Si chiama Scribble ed è una scanner-pen in grado di riconoscere qualsiasi colore e dipingere nella stessa tonalità. Disponibile in due versioni Scribble INK, dotata di cartuccia a inchiostro che permette di disegnare sulla carta, e Scribble STYLUS per colorare sullo schermo dei dispositivi mobili, grazie all’app Scribble+. Entrambe le versioni utilizzano la tecnologia Bluetooth o un cavo micro USB per comunicare con il computer e altri dispositivi.

Scribble

Scribble

Scribble INK è lunga 16 centimetri e pesa 39 grammi, STYLUS si differenzia solo per il peso, 34 grammi. Entrambe sono munite di processore ARM 9 e sensori colore a 16 bit per campionare i colori degli oggetti che ci circondano. Dispongono di uno spazio di archiviazione di 1GB e riescono a memorizzare fino a 100mila colori diversi. INK, dotata di cartuccia a inchiostro, comprende i colori ciano, magenta, giallo, bianco e nero che, miscelati nella giusta quantità, riproducono fedelmente il colore rilevato dal sensore.

Scribble Skills
Le caratteristiche tecniche delle due versioni di Scribble

Gli inventori del dispositivo, Mark Barker e Robert Hoffman, hanno avviato una campagna Kickstarter per finanziare il progetto: i sostenitori riceveranno uno sconto del 20%.
Scribble ha un costo di 149,95 dollari per la versione INK e 79,95 dollari in quella STYLUS.

Scribble Pen Price
Le due versioni della Scribble Pen: Scribble INK (149 dollari) e Scribble STYLUS (79 dollari)
SHARE
Previous articleWellcome Image Awards 2016: le foto vincitrici
Next article“Se l’assurdo diventa teoria”: CICAP e PoliMi contro le teorie alternative
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY