L’ansia è sempre più un disturbo comune. La frenesia della vita quotidiana porta la maggior parte delle persone a manifestare, presto o tardi, dei segni tipici di stati ansiosi. Si passa da lievi sintomi a forti stress emotivi dovuti ad un accumulo di diverse situazioni in grado di minare quell’equilibrio psico-fisico che si trova alla base del benessere. Il sonno disturbato da sogni spiacevoli e, a volte, da veri e propri incubi è molto frequente in chi vive momenti di questo tipo.

“Devo andare a fare un esame, sono di corsa, mi accorgo di non ricordare nulla, corro verso un autobus, è tardissimo, arrivo in aula ma sono ancora in pigiama… no un momento sono nudo, nudo di fronte ad una commissione. L’esame è difficile! Ed ora, farò sicuramente scena muta!”

L’ansia ed il sogno

Il tema dell’interpretazione dei sogni ha affascinato l’uomo per millenni. Innumerevoli sono gli psicologi, gli scienziati, i filosofi, che hanno cercato di dare una spiegazione tanto al perché sogniamo quanto al cosa può dirci di noi stessi un sogno. Ad oggi le teorie sono numerose, seppure nessuna venga accolta all’unanimità.
Con certezza sappiamo, grazie al progresso scientifico, solo che il nostro cervello può produrre sogni sia durante la fase REM del sonno (Rapid Eye Movement), sia nella fase NREM (non REM) e che questi possono essere influenzati dal vissuto del sognatore.

Ecco come si viene diviso il sonno
Ph: medicinaonline.co

Uno stato di ansia e di angoscia porta spesso un sonno disturbato. Molti avranno avuto esperienze di notti trascorse in preda al panico derivato da sensazioni particolari. Quando siamo sottoposti ad un esame, di qualsiasi tipo esso sia e anche dopo il termine degli studi, il cervello può richiamare dei momenti precisi della nostra vita e farceli rivivere in chiave paradossale. Questo tipo di sogno sembra essere prevalente in quelle persone che hanno affrontato brillantemente gli studi e che chiedono molto a sé stessi.

L’evento che viene riportato alla luce durante la notte è spesso una delle prime esperienze che ci hanno causato una forte ansia. Generalmente si rivivono situazioni riferite alla scuola superiore o all’università e raramente a periodi della vita precedenti. La maggior parte delle volte si tratta di un esame che siamo stati in grado di superare con ottimi risultati ma per il quale abbiamo dovuto faticare molto. Le spiegazioni al fenomeno sono, come abbiamo detto, molteplici.

Le spiegazioni al fenomeno

Secondo alcuni autori, infatti, un sogno di questo tipo potrebbe essere letto come un meccanismo difensivo messo in atto dal cervello; ricordare una situazione di forte stress superata senza troppi problemi potrebbe dare al sognatore la tranquillità minata dalla sua ansia. Per altri invece potrebbe suonare come un campanello di allarme, che spinge il soggetto, una volta svegliatosi, a prepararsi meglio per l’evento in programma.

LEAVE A REPLY