Stephen Hawking vs Donald Trump

Durante un'intervista rilasciata a Itv, l'astrofisico britannico ha detto la sua su Donald Trump usando dell'ironia che il repubblicano non capirà facilmente..

1
1880
Hawking vs Trump
Donald Trump, credits: timedotcom.files.wordpress.com Stephen Hawking, credits: http://darium.over-blog.com/

“Come può spiegare il successo di Donald Trump?” – ha chiesto Mark Austin, giornalista di ITV Channel, durante un’intervista all’astrofisico britannico nel maggio 2016.

“I can’t” – risponde secco l’Intel dall’altra part;“Non posso” – ha detto Stephen Hawking.

“È più imperscrutabile dei misteri sull’origine dell’universo” – ha aggiunto, con poca ironia, lo scienziato di Cambridge.

E poi ancora: “È un demagogo che pare fare appello agli istinti del più basso comune denominatore degli elettori”, una raffinata forma di insulto che il quarantacinquesimo presidente non capirà mai e, probabilmente, nemmeno i suoi elettori. Come tutta la comunità scientifica anche Hawking si è mostrato preoccupato per l’elezione del repubblicano; un presidente “anti-scientifico” per le sue posizioni decisamente complottistiche. Ecco alcune:

1) “I cambiamenti climatici sono una bufala dei cinesi”

2) “L’immigrazione rischia di compromettere la mobilità dei cervelli”

3) “Ho sentito cose orribile sul National Institutes of Health”

4) “La NASA non è altro che un’agenzia logistica per le attività in orbita bassa”

Molti scienziati hanno espresso le proprie opinioni e preoccupazioni sui social network e la nota rivista Nature ha lanciato un sondaggio per capire quanti di essi sono intenzionati a lasciare gli Stati Uniti. Close-up Engineering tornerà molto volentieri sull’argomento.

SHARE
Previous articleStephen Hawking: “Gli Alieni? Esistono e sono pericolosi!”
Next articleMisurato lo zeptosecondo, l’intervallo di tempo più breve
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.