La Argonault è un’azienda emergente specializzata nei dispositivi high-tech del settore dell’assistenza. Dopo la barella motorizzata e il girello elettrico, la società canadese ha lanciato un StepRover, un prototipo di carrozzina intelligente capace di arginare le barriere architettoniche. Grazie alle sei ruote di cui dispone e delle diverse angolazioni regolabili, StepRover aumenta notevolmente l’indipendenza dell’utente che potrà salire e scendere comodamente le scale della propria abitazione ed entrare nella sua auto senza imprese titaniche. Le sei ruote inoltre garantiscono maggiore stabilità sulle superfici inclinate grazie alla possibilità di regolare il baricentro, caratteristica che conferisce un funzionamento stabile a velocità più elevate.

Maggiore comodità e praticità anche alla guida: l’utente potrà regolare la posizione di seduta ma anche orientarsi all’interno del veicolo e potrà reclinarsi per riposare in auto durante le soste. In caso di malori, la carrozzina può diventare una barella all’interno del veicolo stesso, evitando trasferimenti scomodi. StepRover consente anche di coricarsi a letto o di passare dal letto alla carrozzina in poche semplici manovre; può evitare barriere architettoniche come i cordoli e i blocchi da parcheggio. Il prototipo è ancora in fase di commercializzazione e l’azienda ha aperto un conto per ricevere donazioni da terze parti.

SHARE
Previous articleBasslet, il bracciale che ti fa letteralmente sentire la musica
Next articleNike HyperAdapt 1.0, la prima scarpa con lacci automatici
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY