TMD: il chip sottile quanto gli atomi

Presto potrebbero arrivare sul mercato computer superpotenti e più sottili di un foglio di carta grazie ai TMD, chip piccolissimi messi a punto dai ricercatori della Cornell University

0
90
TMD, chip
PH: spectrum.ieee.org

La ricerca viene dalla Cornell University e potrebbe permettere lo sviluppo di computer non solo più sottili di quelli attuali ma anche notevolmente più veloci, assemblando tra loro processori sempre più piccoli e un maggior numero di circuiti elettronici e transistor. Per realizzare tale ambizioni, i ricercatori stanno lavorando ai dicalcogenuri dei metalli di transizione (TMD). Si tratta di strutture a strati ottenute da metalli di transizione (o metalli del blocco d), nonmetalli (zolfo e selenio) e oalogeni (tecnezio) che formano un film (in chimica indica una pellicola molto sottile) dello spessore di qualche atomo e dalle elevate capacità conduttive.

Conosciuto da molto tempo, questo materiale funge da ottimo substrato sul quale installare circuiti elettronici. Viene già impiegato nella costruzione di rilevatori di luce e celle fotovoltaiche, ma la sua lavorazione è delicatissima, il che lo rende difficile da produrre in quantità e prezzi commercialmente vantaggiosi. I ricercatori della Cornell però, sono riusciti a rendere i TMD più resistenti di quelli prodotti fino a oggi: lo hanno abbinato al metallocarbonile ottenuto da un metallo di transizione, molecole di monossido di carbonio e composti dello zolfo, per poi passare il tutto nell’idrogeno gassoso a 550 °C in un forno di silicio.

Grazie a questo processo, i TMD possono produrre circuiti dello spessore di appena tre atomi, e su 200 piastre prodotte solo 2 non hanno superato i test di affidabilità. Un risultato straordinario. Si cercano quindi finanziatori mentre nel frattempo si lavora per migliorarne le prestazioni. Il TMD 2.0 potrebbe essere disponibile tra qualche anno: se manterrà le aspettative aprirà la strada a una nuova era dell’informatica, sfornando dispositivi superpotenti e più sottili di un foglio di carta. La ricerca è stata pubblicata su Nature.

 

SHARE
Previous articleRealtà virtuale: il “teletrasporto” del cervello
Next articleDNA? Forse un regalo del Sole
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY