Una lampadina per ascoltare musica: nasce Sony LSPX

LSPX-100E26J è la lampadina ideata da Sony: tecnologia LED a risparmio energetico e una cassa bluetooth. Nasce così la prima lampadina speaker

0
1256
Lampadina Sony LSPX-100E26JP
©SONY
LSPX-100E26J
©sony.jp

Il 2015 è l’anno delle lampadine: prima le Nanolight, ideate nel 2012 e vincitrici dell’ambito premio Red Dot Awards 2015, poi le lampadine al grafene. Adesso è la volta di LSPX-100E26J ideata da Sony. Nulla di innovativo se non l’aver combinato due tecnologie che piacciono molto: una lampadina LED a risparmio energetico e una cassa bluetooth. Nasce così la prima lampadina speaker.

LSPX è stata presentata per la prima volta al CES. Possiede il comune attacco a vite delle lampadine nostrane con una potenza di 360 lumen che garantisce una luce soffusa, ideale per il relax. Nel centro trova alloggio la cassa gestibile grazie ad un app per android e iOS oppure tramite l’apposito telecomando, mentre si connette ai dispositivi via bluetooth oppure grazie al sistema NFC.

LSPX-100E26J - Remote Controll
©sony.jp

Rispetto ad una normale cassa bluetooth non può essere utilizzata al di fuori di un appartamento ma, come punto a suo favore, sarà sempre pronta all’uso senza bisogno di cavi e batterie. Il prezzo supera la media delle normali lampadine LED a risparmio energetico, ma Sony garantisce oltre alla qualità luminosa, quella sonora. Con un prezzo lancio di 23.880 yen (176 euro) sarà lanciata oggi, 23 maggio, in Giappone.

Eccola nel suo primissimo spot pubblicitario:

 

SHARE
Previous articleStonex One: la “scommessa” di Facchinetti a 299€
Next articleLIT Motors C1: la moto auto-bilanciata
Nato a Foggia, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Appassionato di astronomia e giornalismo si dedica alla divulgazione scientifica intervistando diversi personaggi della scienza come gli astronauti Umberto Guidoni e Maurizio Cheli e l'astronomo Alan Stern della NASA. Scrive per "Le Stelle", la rivista astronomica fondata da Margherita Hack, "HuffPost Italia" e "Il Messaggero". In passato ha collaborato con "BBC Scienze" e "l'Espresso". Nel 2016 il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l'Associazione Italiana del Libro gli hanno conferito il Premio Nazionale per la Divulgazione Scientifica.

LEAVE A REPLY